Crea sito
COMUNICATI STAMPA

ANTP COMUNICATI STAMPA

Articoli

Impianti di climatizzazione: conosci il loro funzionamento?

Assistenza condizionatori Roma spiega il funzionamento di un condizionatore. Quasi nessuno si preoccupa del funzionamento di un condizionatore quando genera aria fredda da uno stato iniziale di aria calda.

In particolare è interessante studiare come il condizionatore conservi un liquido refrigerante al suo interno che passa attraverso diversi meccanismi trasformandosi in vapore (non in gas) e attiva un processo di condensazione per poter compiere il proprio dovere.

A tutti potrà essere capitato almeno una volta nella vita di dover ricorrere all’assistenza per malfuzionamenti al condizionatore o climatizzatore. Ma vi siete mai chiesti come si comporta realmente un climatizzatore? Un operaio di Assistenza condizionatori Roma ha provato a spiegarlo senza tecnicismi fornendo un input per coloro che fossero interessati all’argomento e volessero approfondire.

Cosa ci dice ACR nel suo articolo?

funzionamento climatizzatore

L’articolo parla del liquido refrigerante che volgarmente viene chiamato gas ma che in tutta onestà gas non può proprio essere definito. Inoltre si può capire come si genera la condensazione del liquido una volta riscaldato e trasformato in vapore. Viene spiegato il passaggio dall’unità esterna a quella interna. Infine viene spiegato in maniera semplice ed intuitiva, come riesce il condizionatore a trasformare l’aria calda della nostra stanza in aria fredda utile per il nostro benessere nei periodi di maggiore afa estiva.

Tutti ormai sanno che i condizioantori moderni abbiano anche la possibilità di riscaldare gli ambienti, tuttavia in questo articolo viene semplicemente enunciato il modo in cui produce aria in modalità di raffreddamento.

Assistenza Condizionatori Roma ci tiene a specificare che è caldamente sconsigliato fare manutenzione fai-da-te in quanto si rischierebbe di apportare più danni che benefici al proprio impianto. Le mani esperte di un tecnico sono senza dubbio la soluzione migliore ad ogni problema.

L’articolo, funzionamento di un condizionatore, è volto solo a spiegare per i più curiosi.

Parare su Sistema radiante a soffitto e parete b!klimax di RDZ

Parare su Sistema radiante a soffitto e parete b!klimax di RDZ grazie a Assistenza Condizionatori Roma

Pareri per un clima ideale nei tuoi ambienti di casa

Se stai cercando un sistema di climatizzazione per il tuo ambiente domestico che sia ecologico e performante, non come il solito condizionatore, che sia versatile, invisibile e che offre più che discreti livelli di comfort, allora ti possiamo consigliare di prendere in considerazione la possibilità di installare b!klimax di RDZ, un impianto di riscaldamento/raffrescamento radiante a soffitto e parete davvero impensabile.

La cosa che più ci ha colpito del sistema b!klimax di RDZ sono i pannelli radianti modulari selezionabili in tre tipologie:

  1. pannelli radianti 1200×2400 mm in cartongesso con isolamento termico in polistirene o in lana di roccia,
  2. quadrotti radianti per soffitti metallici 600×600 mm e 1200×600 mm con isolamento termico in polistirene o in lana di roccia,
  3. pannelli radianti con massetto a base di gesso fibrorinforzato 600×600 mm, 1200×600 mm, 2200×600 mm.

Perché acquistare il sistema radiante a soffitto e parete?

I pannelli con isolamento a base di lana di roccia promettono di raggiungere requisiti stringenti di reazione al fuoco richiesti in strutture come alberghi e ospedali.

Da fuori il sistema b!klimax di RDZ risulta invisibile e, funzionando per irraggiamento dalle pareti e dal soffitto, promette una uniforme ripartizione del caldo e del freddo, assicurando ai locali una omogenea distribuzione delle temperature senza ricorrere a fastidiosi getti d’aria.

Essendo un sistema che opera a basse temperature, b!klimax di RDZ promette notevoli risparmi sui consumi e si sposa benissimo con fonti energetiche alternative e di ultima generazione quali caldaie a condensazione, pannelli solari e pompe di calore.

Inoltre, evitando moti convettivi a causa della differenza di temperatura tra corpo scaldante e ambiente, b!klimax di RDZ non provoca movimento di polveri e impurità dell’aria, lasciandola su ottimi livelli di pulizia.

b!klimax di RDZ, come già accennato, è già di per sé un sistema eccellente nella sua installazione standard, ma per i più puntigliosi, è possibile varcare livelli di comfort e performance davvero inimmaginabili, b!klimax di RDZ può essere implementato con un sistema di termoregolazione capace di controllare i parametri dell’impianto (regolazioni Wi) e con un sistema per il gestione e il ricambio dell’aria capace di controllare l’umidità della stessa ovviando così fenomeni di condensa (deumidificatori RNW e Unit Comfort UC ).

Questo consiglio è stato gentilmente concesso da Assistenza Condizionatori Roma

Il riscaldamento da biomasse in famiglia

Un post davvero interessante sul riscaldamento da biomasse. Potresti pensare di cambiare il tuo impianto per riciclare, risparmiare e produrre aria e acqua calda pulite.

Le grandi marche che producono impianti di riscaldamento sono già in moto per poter offrire alla nuova clientela riscaldamento domestico alimentato dalle biomasse.

Questo perché il riscaldamento da biomasse è salito in auge nel settore del riscaldamento per il suo rendimento a basso costo, perché è ecologico e può essere installato anche su caldaie, camini e stufe a legna, pellet o cippato. Questo tipo di riscaldamento da biomasse promette emissioni molto basse e un rapporto tra rendimento e risparmio ottimo.

Stufe, caminetti, caldaie a biomasse, sono visti riscaldamento alternativo valido, efficiente ed ecologico. Anche in questo caso, però, subentra un fattore importante e cioè quello dell’utilizzo di combustibili certificati o legna stagionata.

Un altro fattore altrettanto importante è quello di possedere una canna fumaria che abbia una buona funzionalità e, naturalmente, che venga revisionata regolarmente chiamando personale qualificato e competente.

Le ricerche condotte dal Politecnico di Milano, evidenziano che l’Italia è il paese con il mercato più grande in Europa per l’acquisto di : quasi 2 milioni di nuovi apparecchi installati, di cui oltre il 70% presenti al Nord e circa il 50% installato come fonte primaria di riscaldamento.

Combustibili per il riscaldamento da biomasse

I combustibili naturali che vengono usati per il riscaldamento da biomasse sono: legna ecologica (ricavato da piante già morte), pellet (avanzi di legname essiccati e compressi), cippato (ricavato da tronchi e ramaglie di legno ridotti in scaglie), bricchette (trucioli e segatura pressati tra loro), trucioli (residui del legno lavorato), sansa di olive e nocciolino (estrazione dell’olio di oliva: la sansa, il nocciolino prodotto dalla denocciolatura delle olive in pre-spremitura).

Questi ultimi due tra le altre cose sono naturali al 100% perché provengono dalla lavorazione delle olive senza additivi aggiunti e vengono trattati con procedimenti industriali esclusivamente meccanici. Hanno costi inferiori al pellet ma dipendono strettamente dalla redditività della campagna olivicola.

Macchine per il riscaldamento da biomasse

Gli impianti su cui puoi riflettere per creare un tipo di riscaldamento da biomasse nel tuo ambiente domestico sono caldaie, camini, termocamini e stufe di nuova generazione.

La differenza tra gli impianti la fa l’alimentazione a KW. Infatti una caldaia funzionante con pochi KW può andare bene per un ambiente domestico familiare, riscaldando a biomassa legnosa, mentre aumentando fino ad arrivare ad alimentazioni a MW, si possono utilizzare per grandi utenze ed il teleriscaldamento.

Caminetti, termocamini, stufe, termostufe e caldaie non vengono apprezzati solo per il riscaldamento da biomasse ma anche per garantire acqua calda sanitaria.

Come già detto, i grandi marchi stanno investendo molto nell’innovazione sotto il punto di vista del riscaldamento da biomasse e di automazione nel controllo della combustione e della rimozione degli scarti quali ceneri e fumi. Per questo sono famosi per avere rendimenti alti ed emissioni basse.

Articolo scritto da: CaldaieGCS